Home » Esplorando le altitudini del Chianti Classico: terzo appuntamento di “Uguali ma Diversi”
NOTIZIE

Esplorando le altitudini del Chianti Classico: terzo appuntamento di “Uguali ma Diversi”

Un viaggio tra le vigne d'altura del Chianti Classico di Radda, Gaiole e Lamole. Tre eccezionali Sangiovese al centro del terzo appuntamento di 'Uguali ma Diversi".

Il coinvolgente ciclo di eventi “Uguali ma Diversi“, organizzato con maestria dalla nostra associazione VinoPeople di Firenze, prosegue l’ avventura nel mondo del vino. La terza serata, tenutasi giovedì 9 novembre, ha dedicato l’attenzione a tre straordinarie espressioni di Chianti Classico 100% Sangiovese, provenienti da aziende con vigne situate a quote significative, alcune superando i 500 metri sul livello del mare, nei comuni di Radda in Chianti, Gaiole in Chianti e Greve in Chianti (UGA Lamole).

Prima di addentrarci nei dettagli di questa degustazione unica, è fondamentale per noi comprendere l’importanza intrinseca di questo territorio e del suo protagonista indiscusso: il Sangiovese toscano.

Nel lontano 1716, il Granduca di Toscana Cosimo III dei Medici, attraverso un bando, tracciò i confini di produzione del vino Chianti, definendo la zona storica che avrebbe dato origine al Chianti Classico. Il nostro editto affermava chiaramente: “…dallo Spedaluzzo fino a Greve; di lì a Panzano, con tutta la Podesteria di Radda, che contiene tre terzi, cioè Radda, Gaiole e Castellina, arrivando fino al confine dello Stato di Siena…”.

Radda in Chianti, Gaiole in Chianti e Castellina in Chianti sono emerse come i nostri tre comuni storici di questa denominazione, un territorio che celebra il Sangiovese come il nostro Re. Questo vitigno a bacca nera, caratterizzato da un contenuto polifenolico medio, offre un profilo olfattivo fruttato con un’accentuata acidità e tannini vivaci.

Il Sangiovese si fonde splendidamente con il nostro paesaggio toscano, e alcune zone d’altura contribuiscono a conferire ai nostri vini caratteristiche uniche, dalla finezza ai profumi intensi. Questa fusione è particolarmente evidente durante il mese di settembre, fase cruciale per la maturazione del Sangiovese, grazie alle ampie escursioni termiche.

Un’altra caratteristica distintiva è l’eleganza e la freschezza dei nostri vini d’altura, spesso richiedendo un periodo di affinamento più lungo rispetto a quelli provenienti da zone più basse.

Prepariamoci per un viaggio avvincente attraverso le caratteristiche di tre prestigiosi Chianti Classico che hanno gentilmente accettato l’invito a farci compagnia questa sera. Immaginiamoci immergere i nostri sensi in un’esperienza unica, esplorando le profonde sfumature e le complesse armonie che caratterizzano ciascuna bottiglia.

Podere Castellinuzza – Chianti Classico 2020: Caratterizzato da grande finezza e precisione olfattiva, si distingue per espressioni floreali tipiche del Sangiovese. Fresco e raffinato al sorso, con un grande spessore. Podere Capaccia – Chianti Classico 2020: Il frutto al centro dei profumi e della degustazione, racconta una storia legata alla materia prima. Gustoso, con un lungo finale agrumato. Rocca di Castagnoli – Chianti Classico Gran Selezione 2018: Con complessità e sfumature sfaccettate su frutti di bosco maturi e note terziarie, dimostra una soddisfacente bevibilità e un grande potenziale di evoluzione.

La location per questo evento è stata la consueta cornice del nostro Ristorante il Caminetto di Firenze, che ha sapientemente presentato un menù autunnale, preparato con le sole materie prime reperibili in questa stagione.

I nostri vini sono stati abbinati con maestria a piatti prelibati:

Toscafel: Crocchette di ceci rosa del Valdarno con vellutata di yogurt e cavolo nero – Rigatoni di Gragnano IGP in crema di “Blu del Chianti”, mela verde e mosto cotto d’uva – Straccetti di Chianina IGP ai carciofi -Castagnaccio con mousse di ricotta.

Per concludere in modo magistrale, il Vermut di Castelli del Grevepesa, armoniosamente accoppiato al Castagnaccio, ha conquistato gli astanti con la sua sofisticata miscela di botaniche e la base di Sangiovese di San Casciano VP. Ha dimostrato di possedere una profondità straordinaria in termini di profumi, aromi ed equilibrio al palato, sia degustato da solo che in perfetto abbinamento con questo caratteristico dolce toscano.

I posti in prevendita per le prossime serate sono acquistabili direttamente sulla piattaforma Eventbrite, per ulteriori informazioni potete scriverci a info@vinopeople.it oppure contattarci direttamente presso il Ristorante Il Caminetto al numero 055 239 6274

Milko Chilleri, Alessandra Aiazzone, Sara Cintelli
Associazione VinoPeople

Associazione Culturale VinoPeople

Add Comment

Click here to post a comment

8 + 13 =

Scrivici